★ ★ ★

Autore: Alessandro
Recensione sul Fokker F-27

Recensione sul nuovo Fokker F-27 Maritime Patrol in scala 1/72

Italeri 1455
Storia:
Il Fokker F27 Friendship è un aereo passeggeri e da trasporto olandese a corto e medio raggio del dopoguerra nella configurazione ad ala alta. La propulsione nella versione base è affidata a due motori turboelica Rolls-Royce Dart Mk.532 con una potenza di 2.250 HP. Il volo del prototipo ebbe luogo nel novembre 1955 e la produzione in serie continuò negli anni 1955-1987. Di conseguenza, sono stati creati circa 590 velivoli di questo tipo. Il Fokker F27 Friendship è stato sviluppato nei primi anni ’50 come successore del tipo di aereo da trasporto e passeggeri DC-3 della seconda guerra mondiale. Durante la creazione del Fokker F27, si è rapidamente deciso di utilizzare motori turboelica e di fornire ai passeggeri il massimo comfort di volo possibile. Infine, fu creata una macchina di grande successo, che ottenne un notevole successo commerciale e divenne l’aereo civile più prodotto nei Paesi Bassi dopo il 1945! Nel corso della lunga produzione in serie, sono state create diverse versioni di sviluppo, tra cui: F27-100 (prima versione di produzione), F27-300 (aereo da trasporto passeggeri) F27-300M (versione adattata alle esigenze della Marina olandese) o F27 -500 (versione con scafo esteso). Gli aerei Fokker F27 Friendship sono stati utilizzati da diversi paesi, tra cui: Paesi Bassi, Argentina, Australia, Canada e Ungheria.
Il Kit:
Il Kit 1455 Italeri in scala 1:72 contiene al suo interno stampi altamente dettagliati e nuove super decals per 3 versioni diverse dell’aereoplano.
Si consigliano i seguenti colori:
  • Per tutte le versioni : Flat Black e Flat Aluminium
Versione A:
  1. Dark Compass Ghost Gary
  2. Flat Ocean Gray
Versione B:
  1. Flat Medium Gray
  2. Flat White
Versione C:
  1. Flat White
  2. Flat Gunship Gray

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Da dove viene?

Al contrario di quanto si pensi, Lorem Ipsum non è semplicemente una sequenza casuale di caratteri. Risale ad un classico della letteratura latina del 45 AC, cosa che lo rende vecchio di 2000 anni. Richard McClintock, professore di latino al Hampden-Sydney College in Virginia, ha ricercato una delle più oscure parole latine, consectetur, da un passaggio del Lorem Ipsum e ha scoperto tra i vari testi in cui è citata, la fonte da cui è tratto il testo, le sezioni 1.10.32 and 1.10.33 del “de Finibus Bonorum et Malorum” di Cicerone. Questo testo è un trattato su teorie di etica, molto popolare nel Rinascimento. La prima riga del Lorem Ipsum, “Lorem ipsum dolor sit amet..”, è tratta da un passaggio della sezione 1.10.32.

Il brano standard del Lorem Ipsum usato sin dal sedicesimo secolo è riprodotto qui di seguito per coloro che fossero interessati. Anche le sezioni 1.10.32 e 1.10.33 del “de Finibus Bonorum et Malorum” di Cicerone sono riprodotte nella loro forma originale, accompagnate dalla traduzione inglese del 1914 di H. Rackham.